noamIn una lunga conversazione, Chomsky analizza le principali tendenze dello scenario internazionale, critica l'escalation militare del suo paese e afferma che il cambiamento climatico è il peggiore problema che l'umanità abbia mai affrontato.


“Gli Stati Uniti sono sempre stati una società di colonizzazione. Anche prima di costituirsi come Stato hanno eliminato la popolazione indigena, il che significava la distruzione di molte nazioni
orgininarie” riassume il linguista e attivista statunitense Noam Chomsky quando gli si chiede di descrivere la situazione politica mondiale. Critico acerrimo della politica estera del suo paese,
sostiene che dal 1898 si rivolse al livello internazionale con il controllo di Cuba "che trasformò essenzialmente in una colonia", perpoi invadere le Filippine, "uccidendo un paio di centinaia di
migliaia di persone".
Continua a illustrare una sorta di contro-storia dell'impero: “poi sottrasse le isole Hawaii alla sua popolazione originaria, 50 anni prima di incorporarle come un altro stato". Subito dopo la seconda guerra mondiale, gli Stati Uniti divennero una potenza internazionale, "con una potenza senza precedenti nella storia, un sistema di sicurezza senza paragoni, controllava l'emisfero occidentale ed i due oceani e, naturalmente, ha elaborato piani per cercare di organizzare mondo secondo i propri desideri “.

Concorda che il potere della superpotenza è in calo rispetto a quello che aveva nel 1950, all'apice della sua potenza, quando accumulava il 50 per cento del prodotto interno lordo mondiale, che ora è scesa al 25 per cento. Eppure, a quanto pare è necessario ricordare che gli Stati Uniti continuano ad essere “ il paese più ricco e più potente del mondo, e lil suo livello militare non ha paragoni”.

Un 
sistema a partito unico
Chomsky già da qualche tempo paragona le elezioni nel suo paese, con la scelta di un marchio dentifricio in un supermercato. “Il nostro è un paese di un solo partito politico, il partito delle imprese e degli affari, con due fazioni, i Democratici e i repubblicani“ proclama.
Ma pensa che non è più possibile continuare a parlare delle due vecchie comunità politiche, dal momento che le loro tradizioni hanno subito una mutazione completa durante il periodo
neoliberista.

"Sono i moderni repubblicani che si fanno chiamare democratici, mentre l'antica organizzazione repubblicana resta fuori dello spettro, in quanto entrambe le parti si sono spostate verso destra durante il periodo neoliberista, come è avvenuto in Europa“.
Il risultato è che i nuovi democratici Hillary Clinton hanno adottato il programma dei vecchi repubblicani, mentre questi sono stati completamente presi in consegna dai neoconservatori. “ Se si vedono i dibattiti televisivi, urlano solo tra di loro e le poche politiche che presentano sono spaventose“.

Ad esempio, egli sottolinea che tutti i candidati repubblicani negano il riscaldamento globale o sono scettici e, anche se non lo negano, dicono che i governi non devono fare nulla al riguardo“. Tuttavia, il riscaldamento globale è il problema più grave che l'umanità abbia mai affrontato, e ci stiamo dirigendo verso un disastro completo“.

A suo avviso, il cambiamento climatico ha effetti comparabili solo con una guerra nucleare. Peggio ancora, “repubblicani vogliono aumentare l'uso di combustibili fossili. Questo non è un problema di centinaia di anni, ma di una o due generazioni“.

La negazione della realtà, che caratterizza i neoconservatori, corrisponde ad una logica simile a quella che guida la costruzione di un muro al confine con il Messico“.
Queste persone che cercchiamo di allontanare sono in fuga dalla distruzione causata dalle politiche degli Stati Uniti.
A Boston, dove vivo, ci sono un paio di giorni fa il governo Obama ha deportato un guatemalteco che ha vissuto qui per 25 anni; aveva una famiglia, un'azienda, faceva parte della comunità.
Era fuggito dal Guatemala distrutta durante l'amministrazione Reagan. In risposta, l'idea è di costruire un muro per proteggerci.
In Europa è lo stesso. Quando vediamo che milioni di persone a fuggono dalla Libia e Siria in Europa, dobbiamo interrogarci su quello che è successo negli ultimi 300 anni per arrivare a questo“.

Le 
Invasioni e il cambiamento climatico si alimentano reciprocamente
Solo 15 anni fa, non c'era il tipo di conflitto che vediamo oggi in Medio Oriente. “Si tratta del risultato dell'invasione americana dell'Iraq, che è il peggior crimine del secolo. L'invasione
anglo-americana ha avuto conseguenze disastrose, ha distrutto l'Iraq, che è ora classificato come il paese più infelice del mondo, perché l'invasione ha causato la morte di centinaia di migliaia di persone e ha creato milioni di rifugiati che sono stati rifiutati da Stati Uniti e ha dovuto essere ricevuto dai paesi vicini poveri, che sono stati incaricati di raccogliere i resti di quello che distruggiamo. E peggio di tutti è che si istigato un conflitto tra sunniti e sciiti che non esisteva prima“.

Le parole di Chomsky ricordano la distruzione della Jugoslavia nella decade del 1990, istigata dall'Occidente. Essa rileva che, come Sarajevo, Baghdad era una città integrata, in cui i diversi gruppi culturali condividevano gli stessi quartieri, si sposavano con membri di diversi gruppi etnici e religioni“.
L'invasione e le atrocità avvenute istigarono la creazione di una mostruosità chiamato Stato Islamico, che nasce con il finanziamento saudita, uno dei nostri principali alleati nel mondo“.

Uno dei più grandi crimini è stato, a suo avviso, la distruzione di gran parte del sistema agricolo siriano, che garantiva l'alimentazione, il che ha portato migliaia di persone verso le
città, "creando tensioni e conflitti che esplodono appena inizia la repressione“.

Una delle sue ipotesi più interessanti consiste di attraversare gli effetti degli interventi militari del Pentagono con le conseguenze del riscaldamento globale.

Nella guerra in Darfur (Sudan), per esempio, gli interessi delle potenze convergono con la desertificazione, che caccia intere popolazioni di aree agricole, il che aggrava e acuisce i conflitti“. Questi eventi culminano in orribili crisi, come avvenuto in Siria, dove si trova la più grande siccità della sua storia, che ha distrutto gran parte del sistema agricolo, generando spostamenti, esacerbando le tensioni e i conflitti“ riflette.

Non abbiamo ancora pensato a fondo, mette in evidenza, su cosa comporta questa negazione del riscaldamento globale e i piani a lungo termine che i repubblicani pretendono di accelerare: “ Se il livello del mare continua a salire e sale più velocemente, inabissera paesi come il Bangladesh, colpendo centinaia di milioni di persone. I ghiacciai dell'Himalaya si scioglieranno rapidamente mettendo in pericolo l'approvvigionamento idrico in Asia meridionale.
Che ne sarà di questi miliardi di persone?
Le conseguenze imminenti sono disastrose, questo è il momento più importante nella storia del genere umano“.

Chomsky ritiene che siamo davanti a una curva della storia in cui gli esseri umani devono decidere se vivere o morire: "Lo dico letteralmente. Non tutti moriranno ,ma si distruggerà la possibilità di vita dignitosa, e abbiamo una organizzazione chiamata partito repubblicano che vuole accelerare il riscaldamento globale. Non esagero. E' esattamente quello che vogliono fare“.

Di seguito cita il Bollettino degli scienziati atomici e il suo Orologio dell'Apocalisse, ricordando che gli esperti sostengono che alla conferenza di Parigi sul riscaldamento globale era impossibile
ottenere un trattato vincolante, solo accordi volontari.
“Perché? Perché i repubblicani non lo avrebbero accettato. Hanno bloccato la possibilità di un trattato vincolante che avrebbe potuto fare qualcosa per evitare questa tragedia di massa e imminente, una tragedia come non è mai esistita nella storia umana. Questo è ciò di cui stiamo parlando non sono cose di importanza minore“.

Guerra nucleare, una possibilità concreta
Chomsky non è tra quelli che si lasciano impressionare dalle mode accademiche o intellettuali; il suo ragionamento radicale e sereno cerca di evitare furori, e forse per questo si mostra contrario ad accettare il decadimento annunciato dell'impero.
"Ha 800 basi in tutto il mondo e investe nel suo esercito tanto quanto tutto il resto del mondo. Nessuno ha qualcosa di simile, con soldati che combattono in tutte le parti del mondo. La Cina ha una politica prevalentemente difensiva, non possiede un grande programma nucleare, anche se può crescere“.

Il caso della Russia è diverso. E 'la principale pietra nella scarpa nel dominio del Pentagono "perché ha un sistema militare enorme“.
Il problema è che sia la Russia che gli Stati Uniti stanno espandendo i loro sistemi militari“, entrambi agiscono come se fosse possibile la guerra, che è una follia collettiva“.
Egli pensa che la guerra nucleare è irrazionale e che potrebbe avvenire solo in caso di incidente o di un errore umano. Tuttavia, è d'accordo con William Perry, ex segretario della Difesa, che di recente ha detto che la minaccia di una guerra nucleare è maggiore oggi di quanto non lo fosse durante la guerra fredda. Chomsky ritiene che il rischio si concentra sulla proliferazione di incidenti che coinvolgono forze armate delle potenze nucleari“.

"La guerra è stata molto vicina numerose volte" ammette. Uno dei suoi esempi preferiti è quello che è successo durante l'amministrazione Reagan, quando il Pentagono ha deciso di testare la difesa russa simulando attacchi contro l'Unione Sovietica.

"Si è scoperto che i russi hanno preso questo molto sul serio. Nel 1983, dopo che i Sovietici hanno automatizzato i sistemi di difesa, rilevarono un attacco missilistico statunitense. In questi casi il protocollo è quello di andare direttamente all'alto comando e lanciare un contrattacco. C'era una persona che doveva a trasmettere queste informazioni, Stanislav Petrov, ma decise che era un falso allarme. Grazie a questo stiamo parlando “.
Sottolinea che i sistemi di difesa degli Stati Uniti fanno gravi errori e poche settimane fa è stato divulgato un caso dal 1979, quando è stato rilevato un attacco missilistico di massa dalla Russia. Quando il consigliere di sicurezza nazionale, Zbigniew Brzezinski, stava per alzare il telefono per chiamare il presidente James Carter e lanciare un attacco di rappresaglia, è arrivata l'informazione che si trattava di un falso allarme. “Ci sono decine di falsi allarmi ogni anno“ assicura.
In questo momento le provocazioni degli Stati Uniti sono costanti. “La NATO sta effettuando manovre militari a 200 metri dal confine russo con l'Estonia. Noi non tolleriamo che qualcosa di simile accada in Messico“.
Il caso più recente è stata l'abbattimento di un caccia russo che stava bombardando le forze jihadiste in Siria a fine novembre".
C'è una parte della Turchia quasi circondata da territorio siriano e il bombardiere russo ha sorvolato quella zona per 17 secondi, e lo hanno colpito. Una grande provocazione a cui fortunatamente non è stato risposto con la forza, ma hanno portato il loro più avanzato sistema anti-aerei nella regione, che consente loro di abbattere gli aerei della NATO“.
Egli sostiene che fatti simili stanno accadendo ogni giorno nel Mar Cinese.

L'impressione che emerge dalle sue azioni e riflessioni è che se le potene che vengono attaccate dagli Stati Uniti agissero con la stessa incoscienza di Washington, il destino sarebbe già segnato.

L'intervista é di Agustín Fernández Gabard e Raoul Zibechi, pubblicata da
Esquerda.Net.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Articoli

Link

banner ilmiositojoomla

 aacbanner